Un giorno ti ringrazierai per aver scattato così tante foto

0

Non hai bisogno di così tante foto…

Con il tempo ho capito una cosa. Non esiste un numero giusto o sbagliato di foto in cui sono stati racchiusi i momenti più belli della tua vita, ognuno ha il suo. Io ho il mio e tu hai il tuo.

Ma c’è una cosa di cui sono fermamente convinto: le foto non sono mai troppe.

Prova a pensare… quante volte hai fatto qualcosa di meraviglioso ma purtroppo non hai avuto la possibilità di fotografare quel momento. Io ripenso a quando andavo a scuola, quella volta non c’erano i cellulari con la fotocamera e le macchine fotografiche digitali erano cosa rara. Io ero prigro, o forse impegnato a fare altro e non ho scattato nemmeno una foto in analogico. Oggi invidio molto le mie compagne di classe che l’hanno fatto e possono sfogliare l’album dei ricordi.

Sono una persona da foto. Non nel senso che sono fotogenico, nel senso che amo guardarle.

Adoro il modo in cui le foto catturano la bellezza del momento. Così mesi o anni dopo, quando hai completamente dimenticato quell’attimo, la foto è lì per ricordartelo.

È come avere una macchina del tempo che danza tra ciò che eri e ciò che sei. Perché il ricordo chiama il ricordo. Quando vedi la foto di un tuo vecchio amico subito ricordi le sue urla al campo di pallone. Oppure la foto di quella tua compagna di classe di cui sei stato segretamente innamorato per anni, la vedi e ricordi improvvisamente il tocco accidentale della sua mano sulla tua. Era così liscia e morbida la sua pelle.

Le foto sono come le madeleine di Proust, un odore che riaffiora i ricordi alla memoria. Ma migliore, perché puoi parzialmente decidere quali ricordi spolverare dai cassetti della memoria.

Ogni foto porta con sé un suono e un’emozione. Può farti ridere o piangere, provare il vuoto per una persona che non c’è più o l’orgoglio per la trasformazione di una persona che è rimasta con te.

Le fotografie sono un modo per far vivere i ricordi più a lungo. Oltre l’oblio della memoria.

Le fotografie hanno il potere di riportarti a quei momenti, a quei dolori e a quelle felicità.

Per questo non sono mai abbastanza. Certo, alcune foto non svolgono alcuna funzione perché quando sono state scattate non provavi alcuna emozione. Allora non hanno niente da restituire al presente. Forse è questo il malinteso. Scatta una foto solo se è importante il momento che vivi, non se è importante quella foto. Le foto sono solo il mezzo attraverso il quale riscoprire cosa eravamo, non il fine.

Se rispetti questa regola, un giorno ti guarderai indietro e ringrazierai te stesso per aver scattato le foto di quei momenti, e averli così salvati dal tempo.

Share.

Comments are closed.

Commenti